Video

TO GUYS

22_To Guys The Waiting (09)

TO GUYS is an Italian duo of directors that work in the commercial, fashion and music field.
Alessandro Del Leo and Alex Avella meet at NABA University in Milan. After a few years of independent work, the two become aware of their similar stylistic, aesthetic and narrative inclination, so they decide to combine their forces and to create TO GUYS. They sell themselves to the public as a young and fresh duo characterized by the perfect mix between aesthetic and narrative research and irony.

The main source of inspirations behind their work come from the Italian Renaissance, the 900 stars and stripes culture and the present French directors that rule the international and contemporary video scene.

“The Waiting” is a short film difficult to pigeonhole into a preset movie genre: sometimes fashion film, sometimes noir, sometimes comedy. The result is an effective, fresh and genuine short film that after a few days of its premiere has entered Vimeo’s Staff Pick gaining a great international success.

We asked a few questions to TO GUYS. Below their answer about “The Waiting”.

“The Waiting” is a short film born and finished in a couple of weeks. The idea comes from the production house K48 which at that moment was following the production of 5 short films that belonged to a project made by the Italian advertising agency H-57 and Cortology: Icone che fanno cinema.
The opportunity is born from Emiliano S. Verga’s script who, inspired by random selection of 4 Shortology icons, writes “The Waiting”.
When we received Emiliano’s script, we immediately understood that the winning key was to work particularly on the language trying to build a narration that had both a drammatic and an ironic register.
Although it has been a race against time, we had a lot of fun even because we had the chance to do exactly what we imagined when we read Emiliano’s script. And that’s the best for us!
We love to directly organise everything: actors, locations, set design, styling etc. therefore in this case the lack of time and resources was almost a “blessing”, a trigger surge that let us realize this short as it is.

22_To Guys The Waiting (01)

22_To Guys The Waiting (02)

22_To Guys The Waiting (03)

22_To Guys The Waiting (04)

22_To Guys The Waiting (05)

22_To Guys The Waiting (06)

22_To Guys The Waiting (07)

22_To Guys The Waiting (08)

in Italian

TO GUYS è un duo italiano di registi milanesi che opera in ambito commerciale, fashion e musicale.
Alessandro De Leo e Alex Avella si conosco all’università NABA di Milano. Dopo qualche anno di lavoro indipendente, i due prendono coscienza di avere una grande affinità stilistica, estetica e narrativa, così decidono di unire le forze e creare TO GUYS Films. TO GUYS si vende al pubblico come un duo giovane e fresco caratterizzato dal perfetto mix di ricerca stilistica e vena ironica.
Le principali fonti di ispirazione dietro al loro lavoro partono dal rinascimento italiano fino ad arrivare alla cultura a stelle e strisce del 900 e agli attuali registi francesi che dominano la scena internazionale contemporanea.

“The Waiting” è un cortometraggio difficile da incasellare in un genere cinematografico prestabilito: a volte fashion film, a volte noir, a volte commedia. Il risultato è un cortometraggio efficace, fresco e genuino che in pochi giorni dall’uscita è entrato negli Staff Pick di Vimeo riscuotendo un grande successo internazionale.

Abbiamo fatto alcune domande ai TO GUYS. Di seguito la loro risposta in merito a “The Waiting”

“The Waiting” è un corto nato e finito in un paio di settimane. L’idea nasce grazie alla casa di produzione K48 che al momento stava seguendo la produzione di 5 cortometraggi facenti parte di un progetto dell’agenzia H-57 e Cortology: Icone che fanno cinema.
L’opportunità nasce dallo script di Emiliano S. Verga che, ispirandosi ad una selezione casuale di 4 icone Shortology, scrive “L’attesa”.
Quando abbiamo ricevuto lo script di Emiliano abbiamo subito capito che la chiave vincente era lavorare in particolare sul linguaggio cercando di costruire una narrazione che avesse un registro drammatico ma con una forte vena ironica.
Nonostante sia stata una corsa contro il tempo ci siamo divertiti molto, anche perché abbiamo avuto la possibilità di fare esattamente quello che ci eravamo figurati leggendo lo script di Emiliano e questo per noi è il massimo.
Ci piace gestire direttamente ogni cosa: attori, location, scenografia, costumi etc. quindi in questo caso aver avuto poco tempo e poche risorse è stata quasi una “benedizione”, un moto scatenante che ci ha permesso di realizzare questo cortometraggio così com’è venuto.