VIDEO

Damien Krisl

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 06



Since a child I was inspired by visual imagery. Films, Clips, Paintings, Ads in the stores. It was interesting how different images evokes different emotions in myself. I saved the strongest images in my head and started to combine and to collect them in my mind. After creating whole clips in my head, I was upset because I could not show it to anyone. Since then I started to learn by myself and from people I met different techniques and skills to bring those visions into life.

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 01

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 02

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 03

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 04

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 05

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 07

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 08

30 - Damien Krisl - Alfa Romeo 09

Your short for Alfa Romeo. What inspired you? Why did you decide to do something extremely different?
The concept of the agency Armando Testa was to show poetic symbols for what the car stands for. The Performance of the car, his character and his Beauty. Those parts should express emotions like Seduction, Desire, Passion, Energy, Adrenaline, etc. Every elements had to fit into the colorcode red.
Art and specially Surrealisme inspires me. The Strength of the elements of nature, combined with the complexity of humans. I did it in the way i felt it, I think you shouldn’t force to be different, it comes naturally.

Which technique have you preferred? And why did you choose “Bang Bang” as a soundtrack? I understood a quote to Tarantino, am I right?
This film is based on contrasts. The weightless and beauty – the power and the roughness. Using different techniques is another way to express those contrasts. The ultra light and in slow motion filmed lady – the very fast car. Also the contrast of elements is an important substance. Fire and Water. Earth and Air. Nature and modern technique. This contrast allows this rich edit.
“Bang Bang” supported this concept, it brings more emotions into the film. It is light and sensual but morbid at the same time. The visuals remind a Tarantino film indeed.

The thin line between commercial concept and personal research. Where does the commercial concept end and where the personal research begins?
You should always keep on the personal research and your vision. It is not about creating an own concept, more to realize it in an unconventional artistic way. Each concept is different and needs his own code and genetics.

Where do you imagine yourself in five years?
I want to keep working with great people and artists. Inspiring other people and collaborate with brands who support this artistic approach and brings all the right artists together. Of course I have plans to do a feature film but for this I would like to take enough time. For now I have to focus on the short deadlines.

in Italian
Fin da quando ero un bambino sono sempre stato ispirato dall’immaginario visivo. Film, clip, dipinti, pubblicità nei negozi. Era interessante come diverse immagini evocassero diverse emozioni in me. Ho salvato le immagini più forti nella mia mente e ho iniziato a cominarle e collezionarle. Dopo aver creato intere clip nella mia testa, ero turbato perché non potevo mostrarlo a nessuno. Da quel momento ho iniziato ad imparare diverse tecniche e abilità da me e dalle persone che ho incontrato per dar vita a quelle visioni.

Il tuo film per Alfa Romeo. Cosa ti ha ispirato? Come mai hai deciso di fare qualcosa di estremamente diverso?
Il concept dell’agenzia Armando Testa si basava sul mostrare simboli poetici che la macchina rappresenta. La performance della macchina, le sue caratteristiche e la sua bellezza. Quelle parti dovevano esprimere emozioni come seduzione, desiderio, passione, energia, adrenalina etc. ogni elemento doveva essere di colore rosso.
Mi ispiro all’arte e specialmente al Surrealismo. La forza degli elementi della natura combinati con la complessità umana. Ho fatto nel modo in cui lo sentivo. Penso che non bisognerebbe forzarsi ad essere diversi, deve essere naturale.

Che tecniche hai preferito? E come mai hai scelto “Bang Bang” come colonna sonora? Intendo una citazione a Tarantino, giusto?
Questo film si basa sui contrasti. La leggerezza e la bellezza – il potere e la pesantezza. Usare diverse tecniche e un altro modo di esprimere quei contrasti. La ragazza filmata in totale luminosità e in slow motion – la macchina che sfreccia via. Anche il contrasto degli elementi è una sostanza importante. Fuoco e acqua. Terra e aria. Natura e tecnica moderna. Questo contrasto permette un montaggio ricco.
“Bang Bang” supportava il concept, porta più emozioni all’interno del film. È leggera e sensuale ma morbida allo stesso tempo. I visual ricordano un film di Tarantino infatti.

La sottile linea fra concept commerciale e ricerca personale. Dove finisce il concept commerciale e dove inizia la ricerca personale?
Bisognerebbe sempre mantenere la propria ricerca personale e la propria visione delle cose. Non sta tutto nel creare un proprio concept, ma più nel realizzarlo in una maniera artistica non-convenzionale. Ogni concept è diverso e necessita il suo codice e la sua genetica.

Dove ti immagini fra cinque anni?
Voglio continuare a lavorare con grandi persone ed artisti. Ispirare gli altri e collaborare con brand che supportano l’approccio artistico e portare tutti i giusti artisti insieme. Ovviamente ho die piani per il futuro come fare un lungometraggio, ma per questo vorrei prendermi il mio tempo. Per ora mi devo focalizzare sulle brevi deadline.